tutta chiacchiere e d’istintivo

così, più per me che per chi legge, riflessioni di stamattina, direi in ordine molto, molto sparso …

  • obiettivo, in tutte le accezioni, va con una B sola, a parte quando si tratti dell’obbiettivo della macchina fotografica o della telecamera;
  • apposto, con due P e tutt’attaccato, é il participio passato del verbo apporre: tutto a posto, si scrive staccato e con una P sola;
  • affianco, più o meno la stessa cosa di cui sopra: scritto così é il presente indicativo del verbo affiancare, mentre se sto a fianco di qualcuno, ci sto staccato e con una F sola;
  • sono preoccupata per diverse cose che sto rimandando proprio perché ne sono preoccupata, e questo mio procrastinare mi preoccupa;
  • é il giorno delle pulizie a fondo, o forse potrei scrivere ‘é il giorno delle pulizie, affondo’ e in questo caso avrei comunque un senso compiuto;
  • geniale, é un aggettivo interessante che sta benone applicato a Marie Curie o a Leonardo Da Vinci, per fare un esempio banale: difficilmente può essere definito tale chi fa una battuta sagace su un social network ( altro esempio banale);
  • avere cura dei propri affetti é una delle più elevate forme di umanità che si possa coltivare;
  • la vera parità di genere é quando a una donna stronza, puoi dare liberamente della stronza anche se è una donna, così come si fa tranquillamente per un uomo;
  • ho perso due uova sode: sul serio, non le trovo più da due giorni e sto cominciando a preoccuparmene;
  • fatichissima, oggi, a non commentare interventi politici passati ieri sera in televisione, ma tengo duro e rimango sulla mia posizione;
  • sono le otto e mezza e ho già cancellato due persone dai contatti di facebook ( persone che conosco nella realtà, ma che qui mi fanno innervosire per quel che scrivono che é tutto meno che edificante, per stare dalla parte degli eufemismi);
  • io, delle peonie, non ne ho mai abbastanza: mi danno gioia, mi aprono sorrisi dolci e un po’ sornioni;
  • la primavera – persino questa, ostica e stranita – rimane per me un momento magico di cui godere con ogni mia fibra;
  • farò l’ennesimo colore casalingo, oggi, ho appena deciso;
  • potete tranquillamente non commentare, se avete parole sgradevoli da dedicare a questo mio scombinato post: passare oltre quando non si ha niente di gentile o interessante da dire, dovrebbe diventare una nuova buona abitudine, per chi già non ce l’abbia parte del proprio hardware.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *